“Figura” – Zoldo

Dinamica dell’abbandono
“Figura”
Lago Coldai – Monte Civetta – Zoldo

 

IMG_0410 IMG_0403 IMG_0406 IMG_0411

“Figura” – Lecce

Dinamica dell’abbandono
“Figura”
Ex Conservatorio di Sant’Anna. Lecce.
Con Ilaria Seclì

 

14080920_10210269948013611_522261328_n 14080970_10210269947453597_916207701_n 14031111_10210269946173565_650288971_n IMG_0020 copia

Figura

IMG_0027 IMG_0025 IMG_0022 IMG_0021 IMG_0020 IMG_0019

Desiderio

*

 

L’acqua che ami lava le parole

lascia i corpi a pisciare controvento

sulla collina del mondo sconosciuto.

Un lupo si avvicina e si ritrae

alla mano testa del tuo nutrimento

selvatico più d’ogni cenere di bosco.

E i muri che baci,

mattone per mattone,

sono idoli di pelle sepolti

che fuoriescono dalla musica.

 

“Le lame nella mia carne

le preferisco all’emorragia

della loro scomparsa”

Ma ciò che punisce il ghiaccio

disseta la sete e io bevo

la tua pelle sepolta

che in me si disseta

prima di ogni vita

 

*

 

chiami orfano il pane

ma quel che ghiaccia la neve

rende segreto il fango?

 

da lupa cerchi

l’angelo a terra

lasci il tuo silenzio

tra i suoi vagiti

di pietra, avida.

 

lo inghiotti e le tue ossa

danno vita a idoli recisi

 

annusi i suoi muri

come baci mancati

ventri dissolti, senza sosta

 

e l’ululato, primo e nuovo,

arranca sulla cicatrice

muta della voce

 

interminata caduta viscosa

 

dove sa il respiro, ancora

prima del grembo

sbriciolarsi

sui corpi accaduti

 

oltre il desiderio

che esita per se stesso

in un pudore perfetto.

 

*

 

come danzi, come sei piena di vita

“è la morte che mi scoppia dentro”

 

 

mistica di vagiti

scoscesi, tra raccolti

di brune etimasie

e crepe nella retina

minerale, profumo

d’alloro selvatico, miele

di mandorle amare, di cardo

 

prima del corpo

in relazione alla luce

inesorabile resina come

ritrovare i baci di vita non ricordati

in cui già eravamo legati

così nella carne

 

l’infinito attorcigliato al nome

interrata scomparsa

scorgi ancora, la danza

sottrae luce al dio che solleva

l’ombra a una voce alchemica

in echi abbattuti in forme in noi.

 

*

 

Mia adorata,

più il corpo s’avvicina

più la mente si ritrae e si fortifica.

 

Per noi:

un bosco sigilla le fenditure del desiderio

il cielo svuota la distesa della sabbia

ogni mattino ha il sapore di ossa mai udite

 

Dentro un mondo

in ogni fuori

tesi al buio, finirsi,

parlati alle ossa, fusi

alla cenere d’un sigillo

idoli distesi, le mani

strette alla candela,

gli occhi nella fiamma

disfatti. Stringere e restare

pelle al calore della cera.

 

(parte della sezione Desiderio dalla raccolta Figura)

A.P.