Innesto in: S. Molesini

Accesa non proponi buio
ho perso lì il bagliore re
nel cuscino sulla sedia
mentre girava acqua a lavare:
è stato un parto di luce
come del sangue di faccia.
C’è nella gola che tira
un gorgo di note roche
una cantatrice calva
c’è, ed era tremito solo
un pensiero flauto e viola
acceso da mostrarsi luce.

INNESTO:

Accesa rechi l’ombra non poni buio
rechi ho perso lì bagliore in re
sudore d’ombra, macchia
il cuscino sulla sedia
e le mani acqua a lavare:
è stato un parto gemello di luce
come sangue di faccia
oltraggio di tramonto in alba.
C’è nella gola che tira tronco
gorgo di note roche
rose in voce arsa calva
c’è, ed era tremito sabbia
migrata solo al pensiero in note:
flauto, viola accessi
acceso si mostra luce.

2 risposte a “Innesto in: S. Molesini

  1. silvia molesini marzo 2, 2007 alle 3:26 pm

    Interessante innesto. Credo che il brano possa “corporizzarsi” ancora di più.

  2. cattedrale marzo 2, 2007 alle 3:30 pm

    deve corporizzarsi ancora di più: è un fiato aperto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: