“Questo è il cammino dell’artista, da una rappresentazione nascente a un’altra, secondo la traccia del tempo invertito, in direzione dell’immediato. E se ha senso dire che il nostro mondo, l’apparenza, è uno scadimento dal fondo nascosto dell’immediatezza, onde sgorga, sarà lecito analogamente dire che il cammino rappresentativo seguito dall’artista si muove verso una sfera di eccellenza, di adeguatezza alla fonte della vita.”
Giorgio Colli, Dopo Nietzsche.

Comments are closed.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: