lo sfogo del silenzio

aquile – del Dono, Pralongo 3-4-2010

“perdi e sai, quale roccia ha il cielo tra le tue braccia ora che sei vicina ora che mi avvicino, quale braccia apra il signore della casa ora che la vendetta ha consumato la sua fiamma, ora che la fame non è feroce, ora che l’aquila riposa nel suo nido mentre la sua anima vola lontana, perché sai anche l’aquila sogna di volare.” (da Ipotesi di vita, inedito)

Comments are closed.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: