a L.

a L.

se proprio devi essere, sii grandine
tra gli uomini e ridesta i granuli di un’idea senza foga
poi resta, a sentire voce
a dire voce, come muore quel nome
gridato alla pietra, alla pelle
in punta di voce leggera che cade, ché
solo un respiro cessa con la morte
che resta tra gli occhi e assesta
il calco della vena nel pane
tra il sangue pesante e spoglio
versato nei gesti che la fame reclama

Comments are closed.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: